Crisi d'Impresa

Chi è obbligato e cosa prevede il Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza?

La normativa

Spiegata in parole semplici

Il Decreto Legge 14 del 2019 ha introdotto il cosiddetto nuovo Codice della Crisi e dell’Insolvenza. Si tratta dell’integrazione della conosciuta Legge 155 (denominata anche Legge Fallimentare), normativa che non prevedeva al suo interno la possibilità di adottare decreti integrativi e correttivi.

Considerando l’impatto significativo sul sistema imprenditoriale, il legislatore è quindi intervenuto sulla normativa esistente.

Il dovere di monitorare

Secondo il nuovo Codice della Crisi di Impresa, l’imprenditore, l’amministratore e gli organi di controllo e/o di revisione hanno il dovere di monitorare nel tempo la solvibilità della società e l’esistenza dei presupposti di continuità aziendale, per non incorrere in responsabilità di carattere civile e penale. In altre parole, chi si occupa di gestire l’azienda deve sapere per tempo se potrà contare su flussi di cassa sufficienti a far fronte a tutti gli impegni presi nei confronti dei fornitori e delle banche, per garantire la stabilità finanziaria.

Il dovere di istituire

Ai sensi dell’art. 2086 c.c., l’imprenditore, sia individuale che collettivo, “ha il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’azienda, anche in funzione della rilevazione tempestiva della crisi dell’impresa e della perdita della continuità aziendale….”.

Quale responsabilità per gli imprenditori?

Ai sensi dell’art. 2476 c.c., gli amministratori a loro volta “rispondono verso i creditori sociali per l’inosservanza degli obblighi inerenti alla conservazione nell’integrità del patrimonio sociale”.

Gli obblighi degli organi di controllo

Infine, gli organi di controllo e di revisione “ciascuno nell’ambito delle proprie funzioni, hanno l’obbligo di verificare che l’organo amministrativo valuti costantemente, assumendo le conseguenti idonee iniziative, se l’assetto organizzativo dell’impresa è adeguato, se sussiste l’equilibrio economico finanziario e quale è il prevedibile andamento della gestione, nonché di segnalare immediatamente allo stesso organo amministrativo l’esistenza di fondati indizi della crisi”.

Interessante è notare la natura preventiva del nuovo Codice della Crisi d’Impresa, perché attraverso il calcolo di appositi indici e le fasi di monitoraggio, permette alle aziende di impegnarsi a monitorare costantemente il loro stato di salute economico, reddituale e patrimoniale. Possiamo definire come scopo principale di questa normativa la volontà di preservare la continuità aziendale, volontà che ha una natura lungimirante, perché se vi sono i presupposti per sanare eventuali situazioni di difficoltà nessuno esce sconfitto, bensì tutti vincitori.

Lo strumento per adeguarsi

Check CFO
Modulo Crisi d'Impresa

Implementa un adeguato assetto organizzativo, amministrativo e contabile d'impresa come richiesto dal Codice della Crisi d'Impresa e dell'Insolvenza

Approfondimenti dal nostro Blog

La visura della Centrale Rischi è l’unico documento che permette di conoscere realmente cosa pensano le banche della tua azienda. Leggerla e interpretarla può però risultare lungo e complesso. Scopri il modo per tradurla in informazioni chiare e immediate, per fare le migliori scelte in tema di accesso al credito.
A quasi due anni dall’entrata in vigore del Codice della Crisi di Impresa, c’è ancora parecchia confusione in materia e i tribunali iniziano ad emettere le prime sentenze. Chi amministra l’impresa ha l’assoluta necessità di proteggere la continuità aziendale, così come il proprio patrimonio personale. Come fare? Ti presentiamo lo strumento tecnologico semplice e diretto, che ti mette al riparo dai rischi e ti aiuta a salvaguardare il benessere della tua azienda.
Alla luce del nuovo Codice della Crisi d’Impresa, tutte le aziende devono essere in grado di dimostrare la solidità finanziaria e la capacità di prevenire lo stato di crisi. Ora non basta più aver costituito una società di capitali per proteggerti. Sai come difendere il tuo patrimonio personale dal rischio d'impresa?
Il termine massimo per depositare il bilancio è di 30 giorni dalla data di approvazione. E proprio con questa azione, bisogna dichiarare di essersi adeguati al nuovo Codice della Crisi di Impresa, che stabilisce nuovi obblighi per l'imprenditore. Ne parliamo in questo articolo.
Vuoi parlare con noi?